La Costiera Amalfitana: terrazza sul mare, gioiello italiano di rara bellezza

Holidays

Tour della Costiera Amalfitana, da Vietri a Positano tra botteghe artigiane, architetture moderne, ville storiche e panorami mozzafiato
Scritto da Sara Chiarelli
FPJ Communication & PR Manager
Amalfi Coast

Se si ha a disposizione un’intera settimana per avventurasi tra i borghi e le spiagge più incantevoli della Campania, allora immancabile è un tour della Costiera Amalfitana, che fa da cornice ad un panorama da sogno. Il tratto di costa campana che va da Vietri a Positano, infatti, è decisamente uno dei posti più spettacolari al mondo. Riconosciuta Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997, affacciata sul Golfo di Salerno, questa striscia di costa campana è costellata da paesini mozzafiato ricchi di storia, cultura, profumi e sapori. Ogni stagione è buona per un viaggio alla scoperta della Costiera Amalfitana. In questa località infatti è possibile ammirare spiagge magnifiche, paesaggi incantati e borghi meravigliosi: ecco perché il tratto di costa tra Sorrento, Positano e Vietri è così famoso e ammirato in tutto il mondo.

Green Beach

Perla turistica dell'Italia e dell'intero Mediterraneo è sicuramente Sorrento. Cittadina elegante e dagli scorci stupendi, Sorrento è il centro principale della Penisola, quello dove sbizzarrirsi nello shopping tra i mercatini del centro storico prima di sorseggiare una granita e bere un bicchierino di limoncello. Sorrento è un bagno nella spiaggia di Marina Piccola, è un tramonto incantato con Napoli ed Ischia a stagliarsi sull'orizzonte, è un'escursione nella magica Baia di Ieranto, è un piatto di spaghetti alla Nerano in un ristorantino affacciato sul mare. In poche parole una tappa assolutamente da non perdere.

Amalfi's Port

Lasciandosi alle spalle Sorrento, e dirigendosi verso altre località del litorale si incontra la celebre città di Positano. Percorrendo su e giù le scale che tratteggiano la zona residenziale è possibile sbizzarrirsi tra mercatini di souvenir, negozi d'abbigliamento e di prodotti tipici. Coloro che hanno la fortuna di poter visitare questa incantevole cittadina possono vivere un vero e proprio sogno dalle atmosfere anni '60, per poi riempirsi gli occhi di stupore percorrendo fino in fondo le ardite discese verso il mare, arrivando fino ad autentici angoli di paradiso come Grotta La Porta, Spiaggia Grande o l'incantevole spiaggia di Fornillo. Altre meravigliose spiagge della Costiera Amalfitana sono quelle di Praiano. La spiaggia di Marina di Praia, in particolare, è frequentatissima dai turisti anche in autunno inoltrato, visto il clima mite della Costiera. Praiano, inoltre, è ricca di percorsi naturalistici e di sentierini da percorrere a piedi.

Typical italian houses

Percorso qualche altro chilometro si giunge poi nella Costa d'Amalfi, vero e proprio cuore della Costiera Amalfitana e città da cui questo angolo di paradiso prende il nome. Questo luogo incantato cela molteplici sorprese, dai percorsi di trekking, alle stradine nascoste e segrete per raggiungere alcuni dei posti più belli dei dintorni, tra cui Ravello, passando per un ascensore che da Amalfi porta fino al cimitero, uno tra i più panoramici e poetici al mondo. Dirigendosi verso Agerola, a mezz’ora da Amalfi, si arriva al punto di partenza del Sentiero degli Dei, percorso con panorama mozzafiato sulla Costiera e su Capri. Prima di partire è d’obbligo fermarsi in una salumeria del paese per acquistare focaccia e fior di latte, prodotto tipico del paese da gustare durante il cammino.

Little Beach


Conca dei Marini è il primo dei magnifici borghi a dischiudersi davanti agli occhi dei suoi visitatori. Con Capri all’orizzonte, è possibile passare da questa spiaggia, celebre per l'incontro galeotto tra Jackie Kennedy e l'avvocato Agnelli nell'estate del ’62, per poi dirigersi a Furore, un paese di appena 800 abitanti che vanta non solo l’unico Fiordo italiano, che tanto ricorda quelli della Norvegia e del Nord Europa, ma anche un piccolissimo vigneto da dove nasce il Bianco Fiorduva di Marisa Cuomo, uno dei più pregiati d’Italia. In questo luogo del tutto caratteristico si tiene anche il MarMeeting, il campionato del mondo di tuffi da grandi altezze, dove i più coraggiosi si lanciano direttamente da un ponte sospeso a 30 metri d'altezza sulle acque del Fiordo. È in questo tratto di costa che si può ammirare la meravigliosa villa di Sophia Loren, villa Chandon, e l’Hotel Santa Rosa, antico convento dove nel ‘700 è nata quasi per caso la sfogliatella napoletana.

Amalfi city of boats

Imperdibile è anche la Grotta dello Smeraldo, accessibile attraverso una scalinata o tramite un comodo ascensore. Tra enormi stalattiti e stalagmiti, le acque custodite al suo interno assumono un colorito smeraldino davvero unico. Attraversando poi le torri saracene e paesaggi fiabeschi, si giunge nel centro di Amalfi, antica Repubblica Marinara. Una volta qui è possibile spaziare tra una gamma molto vasta di attività tra cui la visita del Duomo, un salto al museo della carta, fare shopping negli esclusivi negozi del centro e concedersi una delizia al limone prima di ripartire alla volta di Atrani, grazioso borghetto bianco arroccato sulla roccia, a soli 5 minuti a piedi da Amalfi. Esiste infatti una geniale galleria pedestre che collega i due centri e che rende Atrani la meta ideale per soggiornare in Costiera, meno chiassosa ma altrettanto affascinante, oltre che vicinissima al suo cuore pulsante. Secondo comune meno esteso d’Italia, Atrani, che forse proprio per le sue dimensioni ha conservato intatta l’atmosfera autentica di borgo marinaro, custodisce tante piccole ricchezze da non perdere, come ad esempio le sue chiese a partire da quella di San Salvatore dove avveniva l’investitura del doge della Repubblica di Amalfi, per poi fermarsi in piazza per cena. Qui il cult è il “sarchiapone”: una zucchina ripiena di mozzarella, carne trita ed erbe, fritta e ripassata nel sugo di pomodoro. Se ci si trova in quest’aerea è d'obbligo anche un'escursione alla Collegiata di Santa Maria Maddalena e soprattutto alla Grotta di Masaniello, dopo un percorso di 500 scalini. Da veri temerari!

Church

Il giallo acceso dei limoni dalla tipica forma allungata e dal profumo intenso, fa da cornice alle geometrie di fiori e siepi che illuminano uno dei gioielli della Costiera Amalfitana: Ravello. Un piccolo paradiso da vivere in tutte le stagioni, a picco sul blu del mare che si fonde col cielo creando sfumature di azzurro nelle diverse ore della giornata.

Lemons

Ravello è meno celebre di Amalfi, ma non per questo meno frequentata: tra le sue stradine di ciottoli ed eleganti negozi, fiancheggiati da hotel di lusso si possono attraversare suggestive location da film e angoli di storia mai dimenticata. Soprannominata anche la città della musica si tiene in questa località ogni anno il Festival della Musica di Ravello, ospitato dall’Auditorium Oscar Niemeyer, progettato dall'architetto brasiliano Oscar Niemeyer, che rappresenta un esempio perfetto di architettura che si sposa col territorio.

 
Landscape

Ravello gode anche di una delle viste più spettacolari sulla Costiera. Da non perdere è la visita presso la Villa Cimbrone, dalla cui splendida terrazza si può ammirare il panorama mozzafiato. Altra perla immancabile per chi si trova a Ravello è il Duomo, considerato una delle cattedrali più antiche d’Italia. La sua costruzione risale al 1086 e dopo diversi rifacimenti oggi mostra, tra i tanti capolavori, all’interno della cappella seicentesca a sinistra del presbiterio, l’ampolla del sangue di San Pantaleone che si liquefà con cadenza annuale. Al suo interno, inoltre, si trova il Museo dell’Opera con le urne cinerarie romane, reliquiari della prima epoca cristiana e manufatti, oltre alla Pinacoteca d’Arte Medievale e moderna, con quadri importanti dal sedicesimo al diciannovesimo secolo. Altro simbolo locale è Villa Rufolo. La splendida villa, dal pregevole valore architettonico ed estetico, fu il rifugio di meditazione di Wagner e fu costruita dalla famiglia Rufolo nel XIII secolo. La torre d’ingresso vanta statue che rappresentano le stagioni, il chiostro è contornato da colonne in stile Moresco e la torre maggiore ha una magica vista sul mare. In aggiunta c’è il pozzo, il belvedere con un giardino e panorama sulla costiera e la cappella, che durante l’anno presenta mostre d’arte importanti. Qui è possibile ammirare alcuni meravigliosi giardini, considerati tra i più belli d’Italia.

 
Amalfi's park

Se i giardini di Ravello sono i più belli della Costiera è tutto merito degli inglesi. Infatti dopo gli antichi romani e la nobiltà fuggita da Amalfi dopo la disfatta per mano pisana, in loco sono giunti i lord inglesi per il Grand Tour portando con loro la grande passione per il giardinaggio e in particolare per le rose. È ad Ernest William Beckett che si deve lo splendore di Villa Cimbrone ed è anzitutto grazie a lui che i contadini di Ravello, per ridare vita all'enorme parco allora in decadenza, si sono trasformati in abili giardinieri. Le loro creazioni più belle si possono ammirare anche sostando sul belvedere del paese, e in diversi giardini di strutture private, come quello del Belmond Hotel Caruso, che ha lasciato intatto l’impianto originario del viale fiorito dove i nobili arrivati dall'Inghilterra adorano trascorrere i pomeriggi passeggiando. A Ravello, è interessante anche il Museo del Corallo in onore della merce preziosa tipica della zona. Racconta l’importanza strategica del prodotto, nelle epoche passate. Ravello, un micromondo che il tempo non scalfisce e che, come tutti i centri della zona, deve essere vissuto ed assaporato, oltre che visitato.

 
Typical handmade ceramic

Il paese successivo è quello di Maiori, da cui ammirare dall'alto l’incanto della montagna che si getta letteralmente a picco sul mare.

 
sunset

Oggi località balneare, Maiori è stato il porto principale della Repubblica Amalfitana. Dopo una passeggiata sul lungomare è d’obbligo fare tappa presso la chiesa color limone che ospita una statua della Vergine Maria, che secondo la leggenda arrivò qui galleggiando sulle acque.

 
Sand Beach

Poco distante è Cetara, borgo di pescatori celebre per la gustosissima colatura di alici, una prelibatezza di antiche tradizioni con cui farcire un succoso piatto di spaghetti.

 
Fisherman

Lasciandosi alle spalle la cupola maiolicata della Collegiata di Santa Maria a Mare, e incamminandosi verso Via Vene, si imbocca il Sentiero dei Limoni che collega Maiori con la vicina Minori. Passeggiando immersi nel profumo attraverso lussureggianti terrazzamenti di limoni, passando per il pittoresco villaggio di Torre, si giunge così a Minori. Altra meta suggestiva è quindi la cittadina di Minori, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, la cui unicità è assolutamente innegabile. La sua bellezza è nota sin dall’antichità, tanto che la Villa Romana Marittima era il luogo prediletto dell’aristocrazia imperiale romana e ancora oggi si notano i resti della splendida dimora patrizia risalente al I secolo d.C. I suoi paesaggi naturali e il mare sono un must per chi vi soggiorna e a dare ulteriore lustro all’area sono le specialità gastronomiche e dell’alta pasticceria, con un nome di punta conosciuto in tutto il mondo e amato dai VIP per il suo estro creativo e per l’utilizzo dei prodotti tipici del territorio: Sal De Riso. Ultimo ma non ultimo dei paesi da visitare è Vietri sul Mare, che accoglie la celebre spiaggia dei Due fratelli e che intrattiene i suoi visitatori con i numerosi negozi di ceramica dove fare incetta di ricordi di una località straordinaria.
 

 
Amalfi coast landscape

Nota sin dal Medioevo per le splendide ceramiche colorate fatte a mano, Vietri ha come protagonista la ceramica in ogni sua forma, non solo delle botteghe artigiane, ma anche nel paese stesso, dove regala un tocco gioioso alle pareti delle case e alla cupola del duomo.

 
Typical shop

In tutto il mondo la Costiera Amalfitana è sinonimo di natura, hotel di lusso, ville protese verso il mare. Percorrere la Statale 163 è sia un’emozione che si protrae lungo tutti i suoi tortuosi chilometri sia un’avventura che mette a dura prova l’abilità anche dei più provetti guidatori. Alla fine del percorso però si vive sempre l’emozione più bella: uno spettacolo di colori, natura e architettura senza eguali. Ma c’è anche una Costiera che scorre lenta, ed è quella dei sentieri che da una collina all’altra collegano i vari paesi. Inoltrarsi nel verde dei giardini di limoni e nella lussureggiante macchia mediterranea, percorrere le lunghe scalinate tese fra il mare e il cielo e imbattersi nei tanti manufatti medievali, sono solo alcune delle meraviglie che si possono scoprire durante queste passeggiate. Si può quindi dire che la Costiera Amalfitana sia una vera e propria gioia per gli occhi e per lo spirito.

 
Colorful city
 

Richiedi una quotazione personalizzata

Preventivo gratuito
Preventivo gratuito