Jet Privati in Italia

Decolli e Atterraggi in Italia con Jet Privato

I seguenti dati si riferiscono all'andamento dei voli con Jet Privato per l'intero anno 2018.

I voli attraverso l'utilizzo dei jet privati, inclusi aerei di proprietà o di società dedicate al  noleggio di aerei charter, si attesta all’8,5% del totale del traffico aereo con decolli dall’Italia. Una crescita di quasi il 4% rispetto all’anno precedente, che pone il bel Paese al quarto posto in Europa.  Le compagnie tradizionali, le Low Cost e il cargo operano il restante 92% dei voli.

I jet privati  appartenenti alla categoria Very Light Jet, come Cessna Citation Mustang, Embraer Phenom 100 e HondaJet rappresentano il 25% dei jet privati basati in Italia mentre il 13,5% agli aeromobili Midsize.

Il 18.8% è rappresentato in Italia da aeromobili come il Challenger, Gulfstream 550, Legacy 600 e similari. I turboelica con quasi 70 aeromobili rappresentano il 41% della flotta italiana. 

Interessante l'impatto economico che in modo diretto e indiretto genera lavoro per 31.000 persone tra addetti specializzati, tecnici, piloti, assistenti di volo ed altre figure specifiche che rendono possibile le operazioni di volo.

Le maggiori destinazioni da e per l'Italia sono l'inghilterra, la Francia, Germania e la Svizzera.  Le partenze in totale dal nostro territorio nel 2018 sono state oltre 63.000 e i top aeroporti sono stati Milano Linate con 9.000 decolli, al secondo posto Roma Ciampino con 8.000 partenze, a seguire Olbia con 4.500, infine Venezia Tessera e Napoli Capodichino rispettivamente con 3.000 e 2.700 movimenti.

Le tratte più frequenti sono state da Milano Linate a Roma Ciampino, Milano Linate a Parigi Le Bourget, da Milano Linate a Nizza ed infine per Ginevra e da Olbia a Nizza.

Piccola curiosità, i voli governativi militari sono stati circa 3.000 mentre quelli a scopo medico come aeroambulanza e trasporto di organi oltre 400, ed infine quelli adibiti ad esercitazioni inclusi piloti civili  oltre 1.404 voli con jet privati.